Taxi, attenzione alle trappole video-scandalistiche

La nostra categoria è finita nell’occhio del ciclone.

Trappole video-scandalistiche mirano a dipingere negativamente un’intera categoria sulla base di battute carpite provocatoriamente, tagliate e cucite appositamente per creare discredito.

Un noto servizio televisivo, attraverso la registrazione di colloqui informali registrati senza avvertenza e perciò senza adeguato contraddittorio nel merito, ha messo di fatto sotto accusa il settore taxi che da sempre rispetta le regole, in questo caso particolare quelle fiscali. Sono noti, infatti, i positivi contraddittori condotti con l’Agenzia delle Entrate in questi anni, anche con riferimento al caso della cessione delle licenze.

E’ a tutti noto che i taxisti rispettano gli studi di settore!

Il programma televisivo non ha dato alcuno spazio alle reali posizioni della nostra categoria, soprattutto a causa di dichiarazioni superficiali, rilasciate a titolo personale.

Alcune ignare persone hanno finito per dare ingenuamente credito alla disonorante tesi del servizio, aiutando di fatto una operazione mirante a dare una visione negativa e distorta della nostra professione.

In questo contesto, continueremo con ancor più determinazione la nostra lotta tutela della categoria.

Lotta che è anche frutto delle molte onerose dispute legali avviate a tutela della categoria e dei serrati confronti istituzionali aperti.

La raccomandazione è quella di usare molta prudenza nel fare affermazioni con sconosciuti, soprattutto se sollecitate su argomenti particolari inerenti il lavoro e la vita dei tassisti.

“Un bel tacer non fu mai scritto” verrebbe da consigliare in questi delicati frangenti. La nostra azione quotidiana e costante a difesa della categoria prosegue con ancor più determinazione, contro l’infamante tentativo di discredito che cerca di affibbiare al settore taxi l’immagine-simbolo dei mali del Paese che, come ben noto, traggono origine e sostentamento da ben altre cause.

 

Pietro Gagliardi 

Delegato Taxi – Unione Artigiani di Milano


Delibera Giunta Comunale Milano

Unione Artigiani della Provincia di Milano
Sede legale: Via Doberdò 16 – 20126, Milano
P.IVA 02066950151