DAL 7 OTTOBRE CONTRIBUTI FINO A 40.000 EURO DA REGIONE LOMBARDIA PER LE IMPRESE ARTIGIANI CHE INVESTONO. CHIAMA SUBITO UNIONE ARTIGIANI

+++ DAL 7 OTTOBRE CONTRIBUTI FINO A 40.000 EURO DA REGIONE LOMBARDIA PER L’ACQUISTO DI IMPIANTI, MEZZI DI TRASPORTO, MANUTENZIONE STRAORDINARIA E AMMODERNAMENTO DI MACCHINARI E ,SOFTWARE,LICENZE,OPERE MURARIE LEGATE AGLI INVESTIMENTI,SPESE COMUNICAZIONE.MA SOLO SE PRESENTI LA DOMANDA TRA I PRIMI.CHIAMA SUBITO UNIONE ARTIGIANI PER PREPARARE LA DOCUMENTAZIONE +++

Regione Lombardia ha pubblicato i criteri di attuazione del bando “Investimenti per la ripresa”, rivolto in modo specifico alle imprese artigiane (risultanti da visura camerale) con un fondo complessivo di 10 milioni di euro.
È una grande opportunità per tutti gli artigiani. Per non perderla occorre iniziare a valutare Il progetto di investimenti verificando i requisiti del bando e prepare la documentazione necessaria per l’apertura del bando, fissata per il 7 ottobre alle ore 12. I contributi verranno erogati con una procedura mista che terrà conto della data di presentazione e di alcuni criteri che spieghiamo meglio qui sotto. Gli esperti di Unione Artigiani sono pronti a lavorare con la tua impresa: chiedi ora un appuntamento. Hai pochissimi giorni a disposizione!

Entriamo nei dettagli

La linea A Artigiani 2021 del bando è rivolta in particolare agli artigiani iscritti all’Albo camerale e prevede la concessione di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di 40.000 €.
Sono ammissibili investimenti di importo minimo di € 15.000, da realizzare unicamente in Lombardia e da rendicontare entro il 28 ottobre 2022 aventi almeno una delle seguenti finalità:
• transizione digitale;
• transizione green;
• sicurezza sul lavoro anche in ambito Covid-19, relativamente ad interventi di revamping e/o interventi ordinari e straordinari finalizzati al mantenimento in efficienza di impianti e macchinari già di proprietà.

LE SPESE AMMESSE

– acquisto di macchinari
– impianti di produzione
– attrezzature
– arredi nuovi di fabbrica necessari per il conseguimento delle finalità produttive
– autoveicoli nuovi di fabbrica per il trasporto merci di categoria N1 elettrici, ibridi, GPL e metano mono e bifuel, benzina EURO 6D-TEMP e D-FINAL, diesel EURO 6D-TEMP e D-FINAL
– costi per interventi ordinari e straordinari finalizzati al mantenimento in efficienza di impianti e macchinari già di proprietà
– costi relativi ad interventi di revamping (rimessa a norma) di impianti e macchinari di proprietà finalizzati al miglioramento delle performance produttive e/o di sicurezza
– interventi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici, alla riduzione delle emissioni nocive ed al miglioramento del ciclo produttivo, anche in ottica di economia circolare.
– acquisto di software, licenze d’uso
– costi per servizi software di tipo cloud e saas e simili per un periodo non superiore a 12 mesi di servizio
– acquisto di licenze per l’uso di marchi e brevetti
– costi per opere murarie, impiantistica e costi assimilati purché legati al progetto di investimento
– costi per attività comunicazione e marketing
– altri costi indiretti (spese generali), riconosciuti in misura forfettaria.

Sono stati resi noti anche i criteri di ammissibilità Tecnica che prevedono di raggiungere un punteggio minimo di 50 su un massimo di 100.
I criteri di ammissibilità tecnica
Ulteriori criteri di ammissibilità tecnica

La presentazione delle domande parte dalle ore 12:00 del 7 ottobre 2021 fino alle 12:00 del 21 ottobre 2021, previa disponibilità della dotazione finanziaria.
Per maggiori informazioni e assistenza e per iniziare a valutare il progetto:
– 02/8375941
[email protected]ni.it


Unione Artigiani della Provincia di Milano
Sede legale: Via Doberdò 16 – 20126, Milano (MI)
Codice fiscale 02066950151