Stretta sull’uso dei contanti dall’1 luglio

Unione Artigiani vi è vicina in questo momento di grande difficoltà. Insieme ce la faremo!

 

Nuovo “giro di vite” sulla diffusione del contante, anche per i prestiti in famiglia. Dal 1° luglio ci sono novità sui pagamenti in contanti. Come previsto dalla legge n°157 del 19 dicembre 2019, il limite massimo per saldare i pagamenti con le banconote di carta verrà gradualmente abbassato. Le date da segnarsi sul calendario sono il 1° luglio 2020 e il 1° gennaio 2022. Vediamo cosa cambierà nel dettaglio.

  • Dal 1° luglio il limite massimo per i pagamenti in contanti scenderà da 3mila a 2mila euro (in sostanza non si potrà oltrepassare la soglia dei 1999,99 euro).
  • Dal 1° gennaio del 2022 ci sarà un secondo step che porterà il limite del pagamento in contanti a mille euro, o meglio a 999,99.

Le nuove norme valgono sia per chi effettua il pagamento che per chi riceve il denaro. Non saranno ammessi neppure prestiti o regali cash tra familiari superiore alle somme indicate sopra: tutto dovrà essere tracciato. Diverso il discorso per i versamenti e i prelievi fatti sul proprio conto corrente: non essendoci trasferimento di denaro nei confronti di un altro soggetto non sono soggetti ai divieti.

Dal 1° luglio dunque per effettuare pagamenti pari o superiori a duemila euro bisognerà usare strumenti tracciabili come bonifici, assegni, bancomat o carte di credito. In realtà non si tratta di una novità assoluta, dal momento che il governo aveva già introdotto il tetto di mille euro per i pagamenti, ma la norma era poi stata modificata dall’esecutivo guidato da Renzi nel 2016.

La ratio della legge è ovviamente di impedire agli evasori di utlizzare il denaro sottratto al fisco per fare acquisti esosi. La tracciabilità insomma è una garanzia per chi paga le tasse, anche se nel nostro Paese i pagamenti elettronici non hanno mai riscosso un grande successo. Le cose tuttavia sembrano destinate a cambiare, se non altro per le spese più importanti.

Chi non rispetterà i nuovi limiti va infatti incontro a pesanti sanzioni. “Per le violazioni commesse e contestate dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021“, si legge nel testo del decreto, il minimo edittale “è fissato a 2.000 euro. Per le violazioni commesse e contestate a decorrere dal 1° gennaio 2022, il minimo edittale, applicabile ai sensi del comma 1, è fissato a 1.000 euro“. Le multe sono ovviamente commisurate all’entità dell’infrazione commessa: sotto i 250mila euro, le parti contraenti potrebbero dover pagare anche 50mila euro per operazione.

Per maggiori informazioni ed assistenza contattare il proprio contabile di riferimento dell’Unione Artigiani. 


Unione Artigiani della Provincia di Milano
Sede legale: Via Doberdò 16 – 20126, Milano
Codice fiscale 02066950151