E-commerce, opportunità da approfondire e sfruttare

Intervento del prof. Francesco d'Amico, consulente web-marketing di Unione Artigiani

Il dilemma del contadino

Immaginate di essere un contadino di una volta, che di buon mattino ha caricato il suo carro di ogni bendidio prodotto nella fattoria e si è avviato verso il mercato sperando di ottenere il giusto ricavo dalla sua fatica.

Immaginate che arrivi a un bivio dove i rappresentanti  dei due mercati della zona lo attendono per convincerlo a recarsi da una parte o dall’altra.

Il primo promotore, a cui il nostro contadino accorda la sua preferenza da molto tempo, gli ricorda che al suo mercato tanti lo conoscono già e i suoi clienti storici sono lì ad attenderlo; aggiunge però, con un po’ di imbarazzo, che la situazione economica generale è quella che è, e non è che vada tutto a gonfie vele; ….a dirla proprio tutta hanno stimato che  le vendite nel loro mercato si sono progressivamente ridotte negli ultimi mesi, all’inizio di qualche per cento, e poi con l’arrivo della pandemia, di un -78% in marzo, – 90% in aprile, -57% in maggio, nel complesso un calo di circa il 49% in cinque mesi rapportati allo stesso periodo dello scorso anno.

Il secondo promotore, a cui il contadino in passato non aveva mai dato troppo ascolto, gli dice che al suo mercato la situazione è esattamente opposta e le cose non potrebbero andare meglio: un aumento costante di numero di clienti e di acquisti che negli stessi cinque mesi ha innescato un balzo delle vendite del 110%!

E’ vero è un mercato nuovo dove quasi nessuno conosce il nostro contadino e la qualità dei suoi prodotti, ma in un contesto così dinamico con capacità e attenzione lui potrebbe conquistare dei risultati impensabili nel solito mercato.

A questo punto in che direzione avreste condotto il vostro carro e i vostri prodotti? 

 

La vendita al dettaglio si muove verso il digitale

Fuor di metafora è quanto è accaduto in Italia e nel mondo alla vendita al  dettaglio tradizionale, rispetto alla medesima attraverso l’e-commerce, secondo l’analisi dell’Osservatorio Confimprese – EY, e alle stime di tanti altri istituti di analisi italiani e internazionali.

I fattori che influiscono su queste performance sono diversi, alcuni contingenti e, tutti speriamo, destinati a scomparire insieme alla pandemia, altri intrinseci e sempre più rilevanti man mano che l’uso dell’e-commerce si allarga; in primis la possibilità di raggiungere un numero di Clienti enormemente più ampio sia a livello nazionale che sui Mercati internazionali.

Esistono diverse strade per avviare una attività e-commerce, dalla presenza su uno o più portali, alla realizzazione di un proprio sito dedicato ma il progetto non è comunque mai banale e richiede risorse economiche, di tempo, competenze e strumenti.

 

Unione Artigiani per l’e-commerce degli Associati

Unione Artigiani può fornire agli Associati un inquadramento complessivo delle diverse possibilità segnalando per ciascuna i vantaggi e gli svantaggi, rapportati alla situazione specifica.

Una attenzione particolare è stata dedicata ad Amazon non solo per la sua posizione di leader incontrastato dell’e-commerce al dettaglio, ma anche per l’unicità di alcuni servizi a disposizione di Piccole Imprese ed Artigiani: qualificazione Amazon handmade, certificazione Made in Italy, logistica di eccellenza, vendita internazionale di immediata realizzazione.

Unione Artigiani ha così realizzato un insieme di servizi dedicati per realizzare e sviluppare la presenza su Amazon, a livello italiano e internazionale.

Dalle esperienze realizzate con diverse realtà è stato poi possibile sintetizzare in un framework standard le tre principali linee di progetto, in funzione dello stato attuale della presenza sul Marketplace

  • Impostazione: per chi deve ancora avviare la propria attività
  • Ottimizzazione: per migliorare le performance di chi è già presente
  • Promozione: per sfruttare le grandi possibilità di Marketing disponibili

La “pacchettizzazione” del progetto in funzione di uno dei tre obiettivi consente di realizzarlo secondo le migliori pratiche e a costi contenuti.

Il Bando della Regione Lombardia 

Il momento per approdare all’e-commerce appare particolarmente favorevole per la presenza del Bando Ecommerce 2020 della Regione Lombardia con contributo a fondo perduto fino al 70% delle spese sostenute, con spesa minima di € 4000, per “progetti relativi all’apertura e/o al consolidamento di un canale commerciale per l’export”.

 

Come approfondire

Per conoscere i dettagli del bando ed eventualmente presentare la domanda ricordiamo che   in Unione Artigiani esiste un servizio di supporto dedicato alla partecipazione ai bandi, alla richiesta degli incentivi e dei voucher, sotto la responsabilità di Jacopo Chiari (jacopo.chiari@unioneservizi.it).

Chi volesse approfondire le tematiche generali dell’e-commerce,  le caratteristiche dell’offerta Amazon per gli Artigiani e la Piccola Impresa e i relativi servizi a disposizione degli Associati  può fare riferimento a Francesco d’Amico (consulente.webmarketing@unioneservizi.it).


Unione Artigiani della Provincia di Milano
Sede legale: Via Doberdò 16 – 20126, Milano
Codice fiscale 02066950151