Quali sinergie si possono ottenere da una rete di imprese sui mercati esteri?

Ci sono potenziali collaborazioni in almeno quattro aree nelle reti di imprese costituite per affrontare i mercati esteri :
  1. Area Commerciale, con la partecipazione congiunta a trattative di grandi dimensioni, la condivisione di reti di vendita comuni, o il semplice scambio di informazioni sui potenziali clienti, i canali commerciali, gli usi, le norme e le dinamiche dei singoli mercati
  2. Area Marketing e Comunicazione, con la partecipazione congiunta a fiere o eventi, la partecipazione a campagne pubblicitarie congiunte, o azioni di marketing su segmenti di potenziale clientela
  3. Area Logistica, con la creazione o la condivisione della struttura che provvede all’esportazione, sdoganamento, stoccaggio e distribuzione fisica dei prodotti
  4. Area dell’Assistenza tecnica, con la creazione o la condivisione della struttura che provvede all’assistenza tecnica pre-vendita e post-vendita dei prodotti.

Le sinergie in queste aree comportano diversi vantaggi:

  • si alza la soglia degli investimenti realizzabili, che vengono condivisi da tutti i partecipanti;
  • si è più appetibili nella creazione di nuovi canali di vendita, in quanto si può offrire un maggiore fatturato potenziale alla controparte commerciale;
  • si abbattono i costi sostenuti dai singoli partecipanti, dato che si spalma su più soggetti il costo delle stesse attività;
  • si è più rapidi e più precisi nell’azione, in quanto si condivide un patrimonio di informazioni ed esperienze comuni maggiori.

Le sinergie potenziali differiscono a seconda che si parli di aggregazioni tra aziende concorrenti o aggregazioni tra imprese complementari. 
Le aggregazioni tra imprese complementari sono più immediate ed efficaci; sia che si tratti di aziende integrate verticalmente, quindi della stessa filiera produttiva, o aziende dello stesso settore non concorrenti ma con prodotti complementari, il principio è che lo stesso legame che comporta un’integrazione o una collaborazione in Italia può essere riprodotto e generare delle sinergie all’estero. Può trattarsi di prodotti che vengono necessariamente venduti insieme, o vengono venduti attraverso lo stesso canale distributivo, o prodotti semilavorati che vengono inglobati in altri prodotti, o prodotti che danno maggior valore ad altri prodotti. In questo caso le sinergie sono possibili in tutti i campi, e sono anche facilmente codificabili in accordi strutturati. 
Più complesso il caso di sinergie tra aziende concorrenti, dato che i vantaggi che derivano dalla collaborazione vengono spesso controbilanciati dagli svantaggi che derivano dall’aiutare un concorrente, dall’intaccare la propria capacità competitiva presente o futura. L’antagonismo, le inimicizie personali pregresse molto comuni nello stesso settore, la paura limitano inoltre la volontà di collaborazione. Impossibile o molto difficile condividere le stesse reti di vendita, le stesse trattative, le stesse informazioni commerciali, le attività di marketing e comunicazione, le attività tecniche di pre-vendita. Ma possibile condividere la struttura logistica e di assistenza tecnica post-vendita, dato che questo permette un abbattimento di costi, un miglior servizio ed una maggiore capacità competitiva a tutti gli associati in modo uguale.



copyright di Enrico Sestini – Ebus srl

Unione Artigiani della Provincia di Milano
Sede legale: Via Doberdò 16 – 20126, Milano
P.IVA 02066950151