Diesel Euro3, nuove regole per non penalizzare i cittadini

La Giunta regionale ha approvato ulteriori misure per il miglioramento della qualità dell’aria con nuove disposizioni temporanee e ulteriori deroghe inerenti la circolazione dei veicoli euro 3 diesel che vanno ad integrare il piano approvato nel luglio scorso.

LE NUOVE REGOLE – Per quanto riguarda i diesel Euro 3 sono state previste deroghe per:

– i veicoli per il trasporto di persone appartenenti a soggetti con ISEE inferiore a 14.000 euro (qualora non possessori di altro veicolo non soggetto a limitazioni);

– i veicoli di proprietà per il trasporto di persone e condotti da persone che abbiano compiuto il 70° anno di età (qualora non possessori di altro veicolo non soggetto a limitazioni);

– autoveicoli per trasporti specifici e per uso speciale come previsto dell’articolo 54 del Codice della Strada (autoveicoli per il soccorso stradale, autospazzaneve, autoambulanze eccetera…);

– veicoli i cui proprietari siano in attesa di consegna di un nuovo veicolo non sottoposto alle limitazioni regionali alla circolazione vigenti e in grado di esibire idonea documentazione che attesti l’avvenuto acquisto da parte dell’intestatario del mezzo stesso;

– veicoli appartenenti alle associazioni o società sportive iscritte a federazioni affiliate al CONI o altre federazioni riconosciute ufficialmente, o veicoli privati utilizzati da iscritti alle stesse con dichiarazione del presidente indicante luogo e orario della manifestazione sportiva nella quale l’iscritto è direttamente impegnato e quelli utilizzati da arbitri o direttori di gara o cronometristi con dichiarazione del presidente della rispettiva federazione indicante luogo e orario della manifestazione sportiva nella quale l’iscritto è direttamente impegnato. Le deroghe temporanee si applicano alla stagione invernale 2018/2019, con temine di applicazione al 31 marzo 2019.

Queste deroghe hanno validità immediata.

ELIMINAZIONE DEGLI AUTOMATISMI – Il provvedimento prevede anche che le procedure di applicazione dei livelli di attivazione e disattivazione delle misure temporanee di primo e secondo livello (che scattano dopo 5 giorni consecutivi in presenza di valori superiori ai 50 microgrammi per metro cubo di polveri sottili) tengano conto di eventuali previsioni meteorologiche non univoche e convergenti, sulla base degli scenari di qualità dell’aria previsti. È stato inoltre previsto di adeguare le procedure di ‘rientro al livello verde’ di nessuna allerta. Il controllo dei dati rilevati dalle stazioni avverrà quotidianamente, a partire dal 1° dicembre 2018, senza aspettare il lunedì o il giovedì per l’eventuale eliminazione dei blocchi. Le nuove misure approvate saranno inserite sul sito istituzionale www.regione.lombardia.it.

Per maggiori informazioni ed assistenza: Ufficio Ambiente, 02/8375941


Via Doberdò 16 – Milano + 23 Sedi sul territorio