Mascherine: detraibili solo quelle con marchio CE

Unione Artigiani vi è vicina in questo momento di grande difficoltà. Insieme ce la faremo!

Nel 2021 le spese effettuate per acquistare le mascherine durante questo periodo di emergenza sanitaria saranno detraibili al 19%. 
Si potranno, quindi, detrarre le spese effettuate per questi dispositivi medici durante il 2020. Sia che siano state acquistate in farmacia, sia che siano state acquistate al supermercato o in altri negozi.
Non tutte le spese per le mascherine saranno detraibili, ma solo quelle per i dispositivi con marchio CE.
A confermarlo è una circolare dell’Agenzia delle Entrate, con la quale si risponde ad alcuni quesiti relativi all’emergenza Coronavirus.
L’Agenzia spiega: “È possibile detrarre dall’imposta lorda un importo pari al 19% delle spese sanitarie per la parte che eccede euro 129,11”, ovvero la franchigia per le spese sanitarie. Come si legge ancora nella circolare, sono detraibili le spese effettuate per i dispositivi compresi tra quelli previsti dall’elenco del ministero della Salute. Detrazione valida solo per le mascherine con marchio CE.
Per fruire della detrazione è necessario che, dalla certificazione fiscale (scontrino o fattura), risulti chiaramente la descrizione del prodotto acquistato e il soggetto che sostiene la spesa, non potendo essere considerati validi i documenti fiscali che riportino semplicemente l’indicazione dispositivo medico.
Per dimostrare la natura del prodotto come dispositivo medico è necessario che siano riportate anche le codifiche per la trasmissione al sistema tessera sanitaria, come il codice AD, che identifica proprio le spese per l’acquisto o l’affitto di dispositivi medici con marcatura CE. Se viene riportato il codice AD, quindi, non serve anche il marchio CE. Se, invece, il codice AD non è riportato espressamente sulla fattura, è necessario conservare la documentazione da cui risulta la marcatura CE. Se, inoltre, questi dispositivi non sono compresi nell’elenco del ministero, si deve conservare anche l’attestato di conformità alla normativa europea.
Chi vende il dispositivo può assumersi l’onere di individuare i prodotti e si prende quindi la responsabilità di integrare le indicazioni con la dicitura “prodotto con marcatura CE” sullo scontrino o sulla fattura.
PER MAGGIORI INFORMAZIONI ED ASSISTENZA: UFFICIO FISCALE & TRIBUTARIO, 02.8375941

Unione Artigiani della Provincia di Milano
Sede legale: Via Doberdò 16 – 20126, Milano
Codice fiscale 02066950151