Costretto a chiudere? Il Bando “Safe working” fa per te

Unione Artigiani vi è vicina in questo momento di grande difficoltà. Insieme ce la faremo!

 

L’approssimarsi della stagione invernale e la tendenza all’incremento dei casi di contagio Covid 19 rendono necessario proseguire con le misure di distanziamento sociale al fine di mitigare la diffusione del virus. Sulla base di queste considerazioni Regione Lombardia e le Camere di commercio lombarde hanno deciso di modificare il bando Safe Working introducendo i seguenti elementi di novità:

  • finanziamento di interventi di digital business
  • termine presentazione delle domande: 30 novembre 2020

Queste novità si aggiungono a quelle già recepite: apertura del bando al settore alberghiero e altre strutture ricettive, imprese culturali ed artistiche; ridotto a 1300 euro l’investimento minimo richiesto, possibilità di presentare la domanda su più unità locali afferenti all’impresa.

Vai al nuovo testo del bando

 

Nel quadro delle misure promosse a supporto del sistema economico territoriale a fronte dell’emergenza COVID-19, la Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi ha aderito al Bando Safe Working – Io riapro sicuro, iniziativa promossa nell’ambito dell’AdP tra Regione Lombardia e le Camere di Commercio lombarde. Si tratta di una misura straordinaria che sarà gestita dalle Camere lombarde con il coordinamento di Unioncamere Lombardia, dedicata a contribuire a:

  • l’adozione di misure adeguate alla ripresa in sicurezza dell’attività  per le imprese soggette a chiusura, che non abbiano  proseguito l’attività in deroga;
  • l’introduzione del lavoro agile per le imprese che non sono state soggette a chiusura obbligatoria

Il sostegno consiste in contributi a fondo perduto per le micro e piccole imprese con sede operativa o unità locale situata in Lombardia.

A chi è rivolto
Le micro e piccole imprese lombarde, tra cui quelle di Milano Monza Brianza Lodi, che sono state oggetto di chiusura obbligatoria in conseguenza all’emergenza sanitaria o che hanno introdotto il lavoro agile per tutti i dipendenti, pur rientrando tra le attività consentite.  Il contributo a fondo perduto, con limite massimo di 25.000 euro, coprirà le sole spese ammesse al 60% per le piccole imprese e al 70% per le micro imprese. Ogni impresa può presentare una sola domanda con un investimento minimo pari a 1.300 euro.

Presentazione delle domande
Le domande devono essere presentate esclusivamente in modalità telematica con firma digitale sul sito http://webtelemaco.infocamere.it fino alle ore 12:00 del 30 novembre 2020. La domanda può essere presentata direttamente dalle imprese o da soggetto delegato.

Modalità di presentazione
Per l’invio telematico è necessario essere registrati ai servizi di consultazione e invio pratiche di Telemaco secondo le procedure disponibili all’indirizzo: www.registroimprese.it. La registrazione va richiesta almeno 48 ore prima della chiusura della domanda di contributo. Manuale utente
Documentazione

  • Allegato 1 – Codici Ateco delle attività ammesse a contributo tranne quelle che hanno lavorato in deroga ai sensi del d.p.c.m. 22 marzo 2020 e 10 aprile 2020
  • Allegato 2 – Codici Ateco delle attività ammesse a contributo solo se hanno introdotto il lavoro agile per tutti i dipendenti, al netto dei lavoratori in CIG e/o ferie

Obbligatoria ATTENZIONE NUOVI MODULI aggiornati a OTTOBRE:

  • Allegato A – Modulo di domanda aggiornato ottobre 2020
  • Allegato B – Modulo prospetto spese aggiornato ottobre 2020

Domanda presentata tramite soggetto delegato:

Documentazione da allegare solo per soggetti che non hanno posizione INPS/INAIL: 

  • Allegato D – Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà

Informativa: Allegato F

Altra documentazione da allegare solo per casi specifici:

  • Modello dichiarazione per l’introduzione per i dipendenti di Cassa integrazione e/o ferie obbligate [docx 12kb]
  • Modello dichiarazione detraibilità IVA [docx 12kb]
  • Modello dichiarazione consegna beni presso indirizzo diverso da quello della sede oggetto dell’intervento [docx 13kb]

 

Per informazioni ed assistenza completa:

  • Area Bandi & Finanza Agevolata, 02.833.06.231 – jacopo.chiari@unioneservizi.it
  • Confidi Unione Artigiani, 02.83.75.941 – coopartmilano@unioneartigiani.it 

Unione Artigiani della Provincia di Milano
Sede legale: Via Doberdò 16 – 20126, Milano
Codice fiscale 02066950151