BANDO REGIONALE CONTRIBUTI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO APERTO DA OGGI ANCHE A TUTTE LE MICRO E PICCOLE IMPRESE DEL MANIFATTURIERO, ARTIGIANATO INCLUSO

La platea dei destinatari del bando di sostegno agli iinterventi di efficientamento energetico, inizialmente rivolto solo alle micro e piccole imprese artigiane, è stata ampliata alle micro, piccole e medie imprese lombarde del settore manifatturiero, artigiane e non artigiane. 

Il bando è consultabile negli allegati di questa pagina: Investimenti per la ripresa 2022 – linea efficienza energetica MPMI manifatturiere

Gli esperti dell’Area Bandi e Finanza Agevolata di Unione Artigiani ti assistono per la predisposizione della pratica e l’inoltro della domanda.

I tecnici di Unione Artigiani sono al tuo fianco per tutti i progetti di efficientamento.

Non attendete l’esarimento delle risorse e contattateci subito.

[email protected]ioneartigiani.it

02 8375941

DOTAZIONE FINANZIARIA
30.150.199,65 €

 

CARATTERISTICHE DELL’AGEVOLAZIONE
Contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese complessive ammissibili nel limite massimo di euro 50.000 per soggetto beneficiario.
Le spese ammissibili presentate in domanda devono essere almeno pari a euro 15.000, da realizzare unicamente presso la sede legale o operativa in cui si svolge il processo produttivo e da rendicontare entro il termine massimo del 30/06/2023.
L’erogazione del contributo a fondo perduto avverrà in un’unica soluzione a saldo, previa verifica della rendicontazione presentata.

CHI PUO’ PARTECIPARE
Micro, piccole e medie imprese del settore manifatturiero in possesso dei seguenti requisiti:

  • abbiano la sede, legale o operativa, in cui si svolge il processo produttivo ed oggetto dell’intervento, in Lombardia;
  • siano regolarmente iscritte e attive nel Registro delle imprese (come risultante da visura camerale) da oltre 12 mesi e risultino attive nell’Anagrafe Tributaria dell’Agenzia delle Entrate;
  • non siano attive nel settore della fabbricazione, trasformazione e commercializzazione del tabacco e dei prodotti del tabacco, di cui all’art. 3 comma 3 del Reg. (UE) n.1301/2013;
  • siano imprese iscritte al Registro Imprese delle Camere di Commercio con codice Ateco, sezione C (attività manifatturiere);
  • siano in regola con gli obblighi contributivi come attestato dal Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC).

 

LE SPESE AMMESSE

Sono ammissibili, al netto dell’IVA, le spese relative a beni e attrezzature strettamente funzionali all’efficientamento energetico:
a) acquisto e installazione di collettori solari termici e/o impianti di microcogenerazione;
b) impianti fotovoltaici per l’autoproduzione di energia con fonti rinnovabili da utilizzare nel sito produttivo;
c) acquisto e installazione di macchinari e attrezzature in sostituzione dei macchinari e delle attrezzature in uso nella sede oggetto di intervento;
d) acquisto e installazione di caldaie ad alta efficienza a condensazione, a biomassa ovvero pompe di calore in sostituzione delle caldaie in uso;
e) acquisto e installazione di raffrescatori/raffreddatori evaporativi portatili o fissi che non richiedono l’utilizzo di fluidi refrigeranti;
f) acquisto e installazione di sistemi di domotica per il risparmio energetico e di monitoraggio dei consumi energetici;
g) acquisto e installazione di apparecchi LED a basso consumo in sostituzione dell’illuminazione tradizionale (a fluorescenza, incandescenza o alogena, etc.) (c.d. relamping);
h) costi per opere murarie, impiantistica e costi assimilati nel limite del 20% delle precedenti lettere da a) a g) e costituiscono spesa ammissibile solo se direttamente correlati e funzionali all’installazione dei beni oggetto di investimento;
i) spese tecniche di consulenza correlate alla realizzazione dell’intervento (progettazione, direzione lavori, relazioni tecniche specialistiche comprese quelle richieste dalla presente misura nel rispetto dei requisiti di ammissibilità delle spese, contributi obbligatori dei professionisti, ecc.) nel limite del 10% dei costi di cui alle precedenti voci da a) a h);
j) altri costi indiretti (spese generali), riconosciuti in misura forfettaria, ai sensi dell’art. 68 lett. b) del Reg. (UE) 1303/13, del 7% dei costi diretti di cui alle voci da a) a i).

 

COME PARTECIPARE
L’adesione al bando deve avvenire esclusivamente sulla piattaforma Bandi online all’indirizzo http://www.bandi.regione.lombardia.it attraverso le due fasi e le tempistiche di seguito descritte.

 

FASE 1: Investimenti per la ripresa 2022 – Relazione del Tecnico: inserimento da parte di un Tecnico individuato dal soggetto richiedente (con le caratteristiche di cui all’art. B.2 “Interventi finanziabili” del bando) della relazione di cui all’Allegato N.1 del bando, fino alla chiusura dello sportello di cui alla FASE 2.

L’efficientamento energetico del sito produttivo (individuato dall’impresa quale sede di realizzazione dell’investimento) e del ciclo produttivo deve essere attestato da un tecnico iscritto al proprio ordine professionale competente per materia, che deve concordare con l’impresa gli interventi da realizzare e valutare i consumi pre e post-intervento e la relativa riduzione, nonché l’eventuale produzione di energia da fonti rinnovabili. In fase di domanda, è necessario trasmettere la relazione del Tecnico in cui sono sintetizzati gli interventi da effettuare ed è indicato il risparmio energetico, espresso in TEP3 (tonnellate equivalenti di petrolio) evitati da conseguire nella sede dell’impresa indicata nella relazione stessa.

FASE 2: Investimenti per la ripresa 2022 – Domanda di contributo: presentazione della domanda di contributo da parte del soggetto richiedente,fino alle ore 16.00 del 31 gennaio 2023 e comunque fino ad esaurimento della dotazione finanziaria

La presentazione della relazione da parte del Tecnico (Fase 1) non determina nessun diritto di priorità nell’assegnazione del contributo, ma è necessaria per consentire la presentazione della successiva domanda di contributo da parte dell’impresa. Si raccomanda di leggere attentamente l’art. C.1 “Presentazione delle domande” del bando.

PROCEDURA DI SELEZIONE

Procedura valutativa a sportello. Ovvero, verranno liquidate in ordine di presentazione le domande che soddisfano i requisiti del bando.

IMPORTANTE
Bando Investimenti per la ripresa 2022 – linea efficienza energetica artigiani
Le domande già inserite su bandi online dalle imprese artigiane che fino alle 16 del 24 ottobre erano ancora nello stato di bozza sono state automaticamente cancellate e dovranno essere nuovamente inserite.
Le relazioni dei tecnici, sia in bozza sia protocollate, resteranno sempre visibili e potranno essere completate e associate ad una nuova domanda


Unione Artigiani della Provincia di Milano
Sede legale: Via Doberdò 16 – 20126, Milano (MI)
Codice fiscale 02066950151