TAXI. DAL COMUNE DI MILANO AL VIA LA RICHIESTA A REGIONE LOMBARDIA PER 1000 NUOVE LICENZE

A parere del Comune di Milano, dall’analisi dei dati a disposizione relativi agli indicatori di mobilità (risalenti al 2018 e parzialmente aggiornati al 2023) risulta che, a fronte di un incremento del numero delle chiamate taxi annue, si continua a registrare un incremento della percentuale delle chiamate inevase, valore che si attesta intorno al 30% nelle notti del fine settimana e all’8% nei giorni feriali.
La riapertura del bando per le collaborazioni familiari e la rimodulazione dei turni – secondo l’Amministrazione comunale – non sono stati sufficienti a migliorare il servizio in maniera significativa.
Per questo la Giunta, valutando che l’attuale assetto di offerta di servizio non è ancora idoneo a soddisfare la domanda della città, ha approvato l’indirizzo di procedere con la richiesta a Regione Lombardia, competente in merito alla definizione e all’incremento percentuale del contingente, un aumento pari a 1000 licenze per il Comune di Milano.

“Noi contestiamo l’analisi di questo dato – ha commentato Pietro Gagliardi, il coordinatore dei tassisti di Unione Artigiani – negli orari di punta non mancano le auto: il problema è che sono bloccate nel traffico o marciano in strade con carreggiate ridotte sulle quali scorre di tutto senza senza controlli. Ricordiamo che di notte, o dopo i grandi eventi, i taxi non si possono sostituire al trasporto pubblico di linea, a partire dalla metro che chiude a mezzanotte come negli anni 80. Come associazione avevano avanzato proposte concrete per affrontare ogni singola situazione, in particolar modo per la gestione di questo picco di domanda che noi riteniamo eccezionale e non strutturali, come la liberalizzazione nei turni dei weekend, il ripristino della vecchia turnazione. Non abbiamo mai ricevuto una risposta dall’amministrazione comunale nemmeno su un’iniziativa di buon senso: quello di lasciare sempre aperto il bando per le collaborazioni familiari che consente di far marciare i taxi per 16 ore al giorno. Il Comune in questo caso ha chiuso la saracinesca prima ancora che i collaboratori potesse completare l’esame di abilitazione.”

 


Unione Artigiani della Provincia di Milano
Sede legale: Via Doberdò 16 – 20126, Milano (MI)
Codice fiscale 02066950151